Canna fumaria: lavori soggetti a detrazione al 50%. Ecco le novità

 

 

Canna fumaria: previste detrazioni fiscali nella misura del 50% per la realizzazione della canna fumaria in caso di sostituzione della caldaia

Oltre nella legge di Bilancio 2019 che ha previsto detrazioni fiscali fino al 31 dicembre 2019, anche nella legge di bilancio 2020 sono previste le detrazioni fiscali al riguardo di interventi edilizi straordinari, nella misura del 50% dell’importo speso in 10 rate annuali da detrarre sulla dichiarazione dei redditi. Un nostro lettore al riguardo ci ha posto il seguente quesito: “Ho caldaia vecchiotta con fuoriuscita dei fumi a parete. Sostituendola con caldaia a condensazione di classe A la detrazione fiscale è del 50%. Ma per legge dovrò portare la fuoriuscita dei fumi al tetto. La domanda è: posso usufruire della detrazione del 50% anche per la spesa della nuova canna fumaria? Grazie”.

La canna fumaria essendo elemento fondamentale dell’impianto termico, può usufruire delle detrazioni fiscali per la ristrutturazione edilizi, ma anche delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica, nel rispetto di determinate condizioni e requisiti.

Detrazioni fiscali per la canna fumaria

Per lavori di ristrutturazione sulle singole unità abitative eseguiti nel 2019, la detrazione è nella misura del 50% della spesa sostenuta, suddivisa in 10 quote annuali di pari importo. Le spese soggette a detrazioni sono: quelle riguardano l’acquisto dei materiali, la messa a norma degli impianti, le prestazioni professionali e tutte le principali spese riconducibili all’intervento ammesso. Le detrazioni sulle spese di ristrutturazione vengono usufruite dai contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).

Lo sgravio si applica anche agli interventi relativi alla canna fumaria nel caso di:

– Nuova costruzione della canna fumaria, interna o esterna o rifacimento modificando i caratteri preesistenti;

– Contestualmente alla realizzazione di un nuovo impianto di riscaldamento conforme al DM 37/2008 con opere esterne per riscaldamento o ventilazione che può essere la relazione di una canna fumaria.

Mentre per interventi su parti condominiali si applica nel caso di:

– Riparazione o rifacimento della canna fumaria, interno ed esterno conservando caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti.

Risposta al nostro lettore

Da quello che si evince dall’articolo, possiamo confermare le detrazioni fiscali al 50% anche per i lavori per la costruzione di una nuova canna fumaria. In quanto si tratta della costruzione di una nuova canna fumaria modificando i caratteri preesistenti.

Rifacimento camino con sostituzione della canna fumaria, detrazione al 50% e IVA al 10%

FONTE : GOOGLE NEWS